Benessere e vita professionale: binomio irrealizzabile?

No Comments »
Novità di Coaching!
Corsi di Coaching Leadership per la tua Azienda! Clicca qui
  
Condividi con i tuoi amici

Che cosa c’è alla base di un’azienda di successo?

Una sola cosa: il benessere dei dipendenti. Per questo, non solo è necessario ascoltare attivamente le persone, ma occorre prestare attenzione ai segnali di disagio e lavorare su tutte quelle aree di miglioramento che possono fare la differenza, per l’individuo, il gruppo e per tutto l’organismo organizzativo.

Per far sì che l’ambiente lavorativo sia vissuto positivamente, è importante concedere maggior tempo libero ai lavoratori, scegliendo di offrire servizi che li distolgano dalle mansioni ordinarie e un luogo di lavoro più familiare, a misura d’uomo e di donna.

Il luogo di lavoro? Cosa lo collega alla produttività o al benessere aziendale?

Per riflettere…

“Chi è stato a Londra o a New York ha sicuramente visto gente che va al lavoro correndo, in calzoncini corti e scarpe da ginnastica. Poi, una volta dentro l’ufficio, si lavano e cominciano la normale attività lavorativa. Nei paesi anglosassoni, i datori di lavoro hanno capito che il benessere fisico dei dipendenti influisce positivamente sul rendimento lavorativo. Di conseguenza, è assolutamente normale avere un intero piano destinato alla palestra, con annessi spogliatoi dove i dipendenti possono dedicarsi al fitness. In Italia, c’è qualche azienda che comincia ad aprirsi a questa sana abitudine, ma si tratta ancora di casi isolati.

Stefano Baldini

I direttori delle risorse umane sono responsabili delle persone sul posto di lavoro solo se l’ambiente e il modo in cui le persone lo vivono vengono considerati risorse, in grado di contribuire direttamente alla creazione di un valore che, a sua volta, è fonte di vantaggio competitivo per l’impresa.

Durante le mie esperienze come responsabile delle risorse umane, ho sempre creduto fermamente che il posto di lavoro, la disposizione degli uffici, il colore delle pareti o anche i servizi messi a disposizione dall’azienda determinino il benessere aziendale e possano rendere le persone più felici e produttive, attrarre nuovi dipendenti di talento e trattenere quelli chiave. Ecco che allora la cura dell’ambiente di lavoro diventa per me una priorità, un punto fondamentale in cui si declina la Human Resources Strategy (Strategia per Risorse Umane).

Ok, ma come posso operare all’interno della mia azienda?

Ti faccio qualche esempio pratico.

Un primo tentativo può essere sicuramente il rendere il posto di lavoro più accogliente e moderno. Allo stesso modo, poter lavorare in open space favorisce la possibilità di interagire e di comunicare. Oggi, quasi tutte le aziende dispongono di un area break: colorate, con uno spazio per la lettura di quotidiani e riviste e dotato di schermi piatti per godersi un po’ di TV su delle comode poltrone durante la pausa pranzo.

In Europa e in America settentrionali, sono tantissime le aziende che decidono di costruire la loro intera struttura e il loro intero modo di lavorare intorno al benessere del personale: fabbricati e campus innovativi, con ampi balconi, aree ombreggiate su cui rilassarsi o passare del tempo. Tante sono dotate di una palestra o una piscina, in cui tutto il personale aziendale può divagarsi e fare sport, considerato uno degli aspetti più importanti per la salute della persona. Si tratta di costruzioni pensate nei minimi dettagli affinché tutti, dal dirigente, all’impiegato e l’operaio, godano delle stesse attenzioni.

Il benessere del dipendenti ruota soltanto intorno alle strutture e gli impianti fisici?

No.

Ti faccio nuovi esempi.

Sono centinaia le imprese, in cui ogni dipendente ha la possibilità di spendere una cifra messa a disposizione dall’azienda per usufruire di benefit su misura. Inoltre, a tutti i dipendenti viene offerto un check-up completo gratuito annuale, presso strutture convenzionate. Alcune, propongono un centro estivo e un servizio di trasporto gratuito per i bambini, che li prende e li riporta in azienda, con enormi vantaggi per i genitori che lavorano. Così, il legame che si crea tra azienda e dipendenti è fortissimo. Se si ha la necessità, tante imprese adottano il job-rotation interno, per consentire a chi ha difficoltà in un settore di mettere a frutto le sue potenzialità in un altro.

Quali sono i vantaggi?

È necessario rivolgersi ai collaboratori, come se fossero clienti. Ho avuto la prova concreta che, così facendo, la stessa cura che viene messa per far star bene le persone, viene trasmessa ai clienti. Così, si alimenta una rete di relazioni positive sia all’interno, sia all’esterno dell’azienda. I risultati di questo modo di guardare alla gestione delle risorse umane si riflette sia sulle indagini di clima interno, sia sulla soddisfazione dei clienti, molto affezionati e fedelizzati.

Non solo, il risultato è stato quello di migliorare significativamente la qualità della comunicazione e delle relazioni interpersonali. Il tutto evitando e prevenendo situazioni di conflitto e, di conseguenza, innalzando la qualità della vita, sia lavorativa, che extra-professionale. Come si è visto, accanto alle buone pratiche, che mirano a soddisfare bisogni prettamente pratici, è utile usare anche la fantasia. Un esempio potrebbe essere quello di proporre ai propri collaboratori attività extra, che in molti casi arricchiscono la loro vita e regalano esperienze indimenticabili. Se un’azienda può arrivare a tanto, perché fermarsi prima?

La soddisfazione dei collaboratori interni andrebbe scandagliata periodicamente e stimolata con iniziative sempre nuove. In questo modo, si tiene alto il clima positivo e diventa più semplice condividere l’ambiente di lavoro con collaboratori sereni e messi nelle condizioni di lavorare al meglio. Non bisogna mai dimenticare l’importanza del coinvolgimento delle persone, a cui deve essere data la possibilità di partecipare ai progetti che li riguardano. Idee, proposte, suggerimenti sono contributi preziosissimi, da tenere in considerazione per pianificare un intervento, che vada a incidere con successo sull’organizzazione.

 

Campus Google di Dublino, con i dipendenti al lavoro.

 



Potrebbe interessarti anche:



  
Condividi con i tuoi amici

Lascia un commento

*
*