Blocchi – Resistenze – Credenze: acerrimi nemici della…. Dieta!

3 Comments »
Novità di Coaching!
Corsi di Coaching Leadership per la tua Azienda! Clicca qui
  
Condividi con i tuoi amici

Blocchi – Resistenze – Credenze

Blocchi – Resistenze – Credenze

Blocchi – Resistenze – Credenze

L’unica cosa che si frappone tra te e il tuo obiettivo
Sono le stronzate che
Continui a raccontarti
Sul perché non puoi raggiungerlo

Tratta da The Wolf of Wall Street, in cui l’autore J Belfort ironicamente racconta come la sua carriera si è sviluppata come speaker motivazionale, insegnando ai propri clienti la strada per raggiungere il successo senza compromettere l’integrità e l’etica.

Bene! Mi sembra un ottimo incipit per introdurre un argomento con il quale spesso mi capita di batterci la testa, personalmente (sono Ariete, ecco l’aggravante!) e professionalmente (!): blocchiresistenze e credenze.

Si, spesso magistralmente, elegantemente quanto in modo convinto e determinato i miei coachee/pazienti mi riempiono l’ambulatorio di …. blocchi, resistenze al cambiamento e credenze limitanti che …. rimangono lì perse a mezz’aria (liberamente tratto da Io Prima di Te – E Ramazzotti!).
Volete qualche esempio? Eccoli….

Le mie diete finiscono sempre male
Non ho tempo per andare in palestra
Non sono costante
E’ difficile
Tutte testimonianze delle, storicamente ben note, filosofie che si contrappongono “vorrei ma non possovsvolere è potere”!

NON E’ VERO NULLA…. prova-provata…!

Il problema non è volere ma è CREDERE di POTERE.
Non serve “Dai che ce la fai!” quanto piuttosto serve portare alla luce le proprie credenze.

Se credi che dimagrire è difficile, questa è la tua realtà.

E’ utile con i coachee/pazienti aiutarli ad immaginarsi come legati in vita, da due funi: una che tira in avanti (la fune della volontà: voglio dimagrire) e l’altra che tira indietro (la fune del non posso: dimagrire è difficile).

pesata

pesata

Ci saranno momenti che strappi via un chilo dopo l’altro perché tira di più la fune volontà ma ci saranno altrettanti momenti che torni al punto di partenza…

Allora riparti… e magari sulla bilancia vedi che l’ago è sceso ancora più sotto del grasso numero del mese precedente.. WOW
…. ma appena ti rilassi ritorni al punto di partenza…. Gli esperti la chiamano: Effetto yo-yo!

E via così, e via così…

Stremato, demotivato per il mancato risultato a seguito di uno sforzo titanico, molli e anche il professionista non danza certamente il minuetto di Mozart… è un fallimento.

Nei casi più brillanti ed illuminati, al momento del congedo arriva quella che il buon Favaretto, chiama la cazzata fotonica NON ERA MIO DESTINO oppure NON LO VOLEVO VERAMENTE… uhmmmmm, ottimo! Si apre una finestra e si ricomincia perché…. Perchè Bisogna Crederci!

Se credi che le diete falliscono… perché fai le diete;

Se credi di non avere tempo per andare in palestra… perché paghi l’iscrizione;

Se credi di non essere costante…. Perché vuoi essere costante nei menù;
Evvia così….

Il Nutrition Coach comincia il lavoro sulle resistenze limitanti. Ben conosce la scala di inferenza, e sa come si forma una convinzione pertanto con domande e rimandi lavora nella ristrutturazione (livello 1, livello 2 e 3 della scala) in modo da costruire un processo di pensiero che supporti il coachee/paziente nella pro-attività.

Porta il coachee/paziente a percorrere una nuova strada che parte sempre dai fatti (realtà oggettiva, osservabile e misurabile) e arriva all’azione (concretizzazione grafica dei processi attraverso atteggiamenti e azioni) ma per un sentiero (solco!) diverso.

Dunque si può perchè si crede di potere senza sublimare le quotidiane situazioni e rimanendo ben saldi alla realtà!

Il calciatore più bravo non è quello che evita i falli,
è quello che nonostante i falli fa gol
!

Fonte:
PNL Facile
L’essenza del coaching
Posso farti dimagrire



Potrebbe interessarti anche:



  
Condividi con i tuoi amici

Questo post ha 3 commenti

  1. Franco Rossi on febbraio 4, 2014 at 04:26 Rispondi

    Grazie Letizia, il tuo articolo è molto interessante!

  2. Maurizio Donatello on gennaio 24, 2014 at 22:00 Rispondi

    … il livello successivo è… si può perché si sa di potere.

  3. giosuè on gennaio 24, 2014 at 01:29 Rispondi

    …ben detto!!!!

Lascia un commento

*
*