Domande, domande, domande

3 Comments »
Novità di Coaching!
Diventa Parent Coach e accompagna la coppia in una relazione genitoriale potenziante! Clicca qui
  
Condividi con i tuoi amici

Nel titolo ho voluto parafrasare Mina e Alberto Lupo che  all’inizio degli anni ’70 cantavano Parole, Parole, Parole…

Infatti durante il corso Incoaching qual è stata una delle resistenze maggiori di noi novelli coach di fronte al metodo del coaching proposto da Alessandro e Franco? “Ma se facciamo sempre domande al coachee, quando possiamo dire la nostra?”

In Lettere a un giovane poeta Rilke scrive:

Sii paziente con tutto quanto nel tuo cuore non ha ancora trovato soluzione e cerca di amare le tue domande, come fossero stanze chiuse o libri scritti in un’altra lingua. Non andare alla ricerca delle risposte…Vivi le domande ora”.

Questa riflessione me la sto portando dietro e penso che sia una domanda efficace: perché ci risulta così difficile porre domande e ci risulta molto più semplice dare risposte, ricette, soluzioni,…? Perché, in ultima analisi, facciamo così fatica a far sì che ognuno sia maggiormente responsabile di sé?

Qualche risposta ho cominciato a darmela ma essendo un articolo sulle domande iniziate Voi!

PS: forse è solo un dettaglio ma nella canzone Mina rimprovera ad Alberto Lupo :”Non cambi mai, non cambi mai, non cambi mai…”

 

Mark

 

 

 



Potrebbe interessarti anche:



  
Condividi con i tuoi amici

Questo post ha 3 commenti

  1. Mary Pantano on gennaio 22, 2014 at 21:54 Rispondi

    Grazie Mark, mi hai fatto riflettere ancora una volta. Mi accorgo che mettendo a tacere l’impazienza nel dare soluzioni a tutti i costi si genera tra me e l’altro un profondo silenzio. All’interno di questo spazio, superata l’iniziale sensazione di smarrimento, “il naufragare diventa dolce” come diceva qualcuno, e ogni onda trova già il suo perchè. (troppo poetica?)

  2. Antonella Frigato on settembre 24, 2013 at 09:34 Rispondi

    I nostri ‘maestri’ Alessandro e Franco ci hanno anche insegnato le 4 ‘A’…di cui la prima è Ascolto!
    Questo lo stai sicuramente già facendo e si sente anche dal tuo simpaticissimo articolo ;-)
    Grazie Mark e Benvenuto!

  3. Franco Rossi on settembre 24, 2013 at 09:26 Rispondi

    Articolo creativo e molto stimolante, generabile solamente da chi vive dentro di sé la “vera” dimensione del Coach… grazie Mark !

Lascia un commento

*
*