Generosità

2 Comments »
Novità di Coaching!
Se la tua azienda è in fase difficile o di transizione, se la tua professione non è più quella di una volta... contatta il tuo Business Coach! Clicca qui
  
Condividi con i tuoi amici

M. Teresa 2

La generosità, la cordialità, la compassione sono tratti caratteriali che manifestano la virtù dell’umanità.

Nell’insieme, essi rappresentano un orientamento gratuito ed autentico verso gli altri; manifestare generosità significa essere convinti che gli altri sono meritevoli di attenzione e di azioni di cura, compiute senza alcuno scopo utilitaristico.

Uno dei personaggi che ha maggiormente incarnato ed utilizzato questa potenzialità personale è stata Madre Teresa di Calcutta, premio Nobel per la pace nel 1979.

Nel 1961 Pier Paolo Pasolini compì un viaggio in India in compagnia di Alberto Moravia ed Elsa Morante. Le emozioni da lui provate durante quell’intenso viaggio furono trascritte e poi pubblicate ne “L’odore dell’India” (Garzanti, 2009). Nella sosta a Calcutta, i tre fecero visita a “Suor Teresa”, allora 51enne, la cui attività di assistenza ai lebbrosi era evidentemente già ben nota oltre i confini indiani.

Le poche righe che seguono sono, a mio parere, un piccolo capolavoro di letteratura, di sensibilità, e di descrizione della generosità umana, oltre che un interessante documento storico:

Suor Teresa vive in una casetta lontana dal centro della città, in uno sfatto vialone, roso dai monsoni e da una miseria che toglie il fiato. Con lei ci sono altre cinque, sei sorelle, che l’aiutano a dirigere l’organizzazione di ricerca e di cura dei lebbrosi, e, soprattutto, di assistenza alla loro morte; esse hanno un piccolo ospedale dove i lebbrosi vengono raccolti a morire.

Suor Teresa è una donna anziana, bruna di pelle, perché è albanese, alta, asciutta, con due mascelle quasi virili, e l’occhio dolce, che, dove guarda, «vede». Assomiglia in modo impressionante a una famosa sant’Anna di Michelangelo: e ha nei tratti impressa la bontà vera, quella descritta da Proust nella vecchia serva Francesca: la bontà senza aloni sentimentali, senza attese, tranquilla e tranquillizzante, potentemente pratica”.



Potrebbe interessarti anche:



  
Condividi con i tuoi amici

Questo post ha 2 commenti

  1. lifeiscoach on settembre 12, 2013 at 12:26 Rispondi

    Generosità come una delle principali peculiarità di un buon Coach. Essere generosi nell’ascolto, essere generosi soprattutto con se stessi nel non fornire un proprio parere

  2. Antonella Frigato on agosto 20, 2013 at 15:39 Rispondi

    Grazie Ale
    la generosità, come ogni dono che viene dal cuore, come ogni virtù, funziona in un modo strano…più ne dai e più ne ricevi!
    Grazie Alessandro per questo dono…

Lascia un commento

*
*