Goccia

No Comments »
Novità di Coaching!
Se la tua azienda è in fase difficile o di transizione, se la tua professione non è più quella di una volta... contatta il tuo Business Coach! Clicca qui
  
Condividi con i tuoi amici

Coesione

“In fisica la coesione (dal latino cohaerere: essere congiunto, attaccato, stare unito) è la forza di attrazione di natura elettrostatica che si crea tra le particelle elementari di una stessa sostanza, tenendole unite e opponendosi alle eventuali forze esterne che invece tendono a separarle”.

Un semplice e immediato esempio di “coesione” è la goccia d’acqua. La forza di attrazione di natura elettrostatica tiene così saldamente “unite” le molecole tanto da permettere la formazione di una struttura armonica: la goccia appunto.

Coesione è il contrario di disgregazione, sconnessione; dove si realizza una forza, detta di attrazione, non può che esserci e manifestarsi: coesione e connessione.

Gesù nel Vangelo dice: “Se un regno è diviso in se stesso, quel regno non potrà restare in piedi; se una casa è divisa in se stessa, quella casa non potrà restare in piedi. Anche Satana, se si ribella contro se stesso ed è diviso, non può restare in piedi, ma è finito” (Mc 3,24-26).

La coesione, spiritualmente parlando, è frutto della forza d’attrazione ed è semplicemente un risultato. È’ il risultato della forza che scegli di servire e seguire. La coesione è il frutto maturo di quella scelta interiore che quotidianamente decidi di intraprendere. La coesione si manifesta quando lasci che Colui che è coesione per definizione, l’unità per eccellenza prenda dimora in te. È’ nella coesione profonda con Lui, Gesù, che si realizza la profonda coesione-connessione con se stessi, con gli altri, con il creato. Il futuro non potrà che essere nella coesione-connessione dei nostri cuori con il Cuore di Dio per impedire la separazione-distruzione dell’umanità; questa lezione l’hanno capita anche Satana  e i suoi servi che da sempre sono coalizzati contro Dio in una coesione potentissima per separare l’uomo dal suo Creatore.

Totalmente “coesi-connessi”, uniti profondamente a Gesù nell’Eucaristia domenicale, nel canto e nella lode coltiviamo il buon campo del Regno dei cieli.



Potrebbe interessarti anche:



  
Condividi con i tuoi amici

Lascia un commento

*
*