L’ utilità della sega mentale nel percorso di coaching

No Comments »
Novità di Coaching!
Formazione in Health Coaching® per Coach professionisti, per esperti nell'area della Salute e per operatori nell'area Fitness e Benessere. Contattaci subito! Clicca qui
  
Condividi con i tuoi amici

Titolo sicuramente provocotario, dal gusto esplicito e dal linguaggio comune, che scaturisce da una riflessione che voglio condividere. La sega mentale, se analizzata, può rivelare tutta una serie di aspetti positivi che altrimenti andrebbero coperti e sarebbe relegata a comportamento da evitare. Invece la sega mentale per Coach e Coachee può tornare utile. Innanzi tutto cos’ è la sega mentale: è una serie ininterrotta di pensieri confusi e irrazionali solitamente accompagnati da una serie di stati d’ animo quali ansia, paura e dubbio.

Definito ciò, cosa fa della sega mentale, uno strumento per il Coach e una risorsa per il Coachee ?

Ci arrivo, ma intanto analizziamo la sega mentale attraverso tre macro fasi.

Fase 1 : Il problema. Lo si vede con la stessa chiarezza con la quale un cecchino vede il suo obiettivo da pochi metri e quindi lo centra di sicuro.

Fase 2 : La tempesta mentale: turbinio di pensieri, DOMANDE ( ”  ce la farò ? ” se non ce la facessi ? ” cosa penseranno di me ? ” ” e se….. e se…. e se……. ) poste in modo totalmente automatico sul problema. Stimolazione del pensiero laterale: infatti nella sega mentale, le aggravanti pensate dalla persona sono molteplici e scaturiscono con una naturalezza assoluta.

Fase 3 : consapevolezza emotiva : dubbi, ansia, paura, si percepiscono e si interiorizzano. Si riflette su di sè e sulla propria autostima ed autoefficacia.

Le fasi così descritte, portano ad un insieme negativo, ma per le sue caratteristiche diventano uno strumento per il coach, che attraverso esercizi di visualizzazione, invita e accompagna il cliente in uno stato di sega mentale controllata e volta a trovare con naturalezza le soluzioni che gli sono più congeniali e utili alla risoluzione e al raggiungimento dell’ obiettivo. Ricreando una ” tensione costruttiva ” facendo leva sull’ occuparsi dell’ obiettivo e non sul preoccuparsi della propria condizione, si troveranno le suddette soluzioni che magari in altri atteggiamenti mentali non emergerebbero.

Per il cliente, per i motivi di cui sopra è una risorsa; talvolta si trova difficoltà a trovare soluzioni. Il porsi in uno stato, coadiuvato dal coach, di sega mentale positiva, darà sicuramente risultati inaspettati.

 

 

 

 



Potrebbe interessarti anche:



  
Condividi con i tuoi amici

Lascia un commento

*
*