Leadership: 7 steps per essere leaders moderni e raggiungere gli obiettivi

No Comments »
Novità di Coaching!
Sei un Coach, un esperto in Salute o Fitness? Finalmente un corso in Health Coaching®! Clicca qui
  
Condividi con i tuoi amici

Sono tre gli elementi essenziali nella leadership: umiltà, chiarezza e coraggio.

Fuchan Yuan

 

Che cosa vuol dire essere un leader “oggi”?

O meglio… Come essere un leader moderno? Come si motivano le persone? Come si crea un gruppo che lavora, determinato, al raggiungimento di un obiettivo?

Cominciamo con l’analizzare quali siano le qualità della leadership nel nuovo mercato. Competenza, senz’altro, ma anche capacità di entusiasmare le persone, di farle sognare e rendere realizzabile il loro sogno. Quest’ultima, soprattutto, è l’essenza della leadership moderna, perchè, insieme al “sogno”, è la sintesi di un gruppo aziendale che cresce e si espande.

È il sogno che guida il leader a far emergere le migliori qualità di ogni componente del team. Non solo, serve ad attrarre le persone e motivarle, per far emergere il talento, spesso nascosto. La leadership è lungimiranza, non è altro che vedere oltre, guardare all’obiettivo, scartando gli ostacoli.

L’evoluzione della leadership la porta, oggi, ad essere riassunta come la capacità di creare alleanze, dentro e fuori dall’azienda. Il buon leader moderno deve misurarsi con la capacità di creare relazioni, la quale deve manifestarsi come interesse sincero verso i propri collaboratori e per il proprio business e mercato (clienti, fornitori, partners…).

Un leader non deve essere tale all’interno della sua azienda? Oggi, la leadership che rimane nelle mura aziendale non è destinata a rimanere tale a lungo o a crescere con continuità. Sarà un leader autentico colui che riuscirà a uscire da questi schemi, da questi limiti e confini, ad “evadere” dalla sua zona di comfort.

Il leader coincide sempre con la posizione più in alto nella scala gerarchica di un’azienda? Solo chi ha già una predisposizione naturale può diventarlo, oppure si possono acquisire le doti necessarie? Quanto il carisma di un leader incide sul rendimento finale del team di lavoro?

Sono sincera. È impossibile rispondere a queste domande così, su una tastiera. Ma, ora, ti fornisco i sette steps della leadership…

  • VISION

I leaders vengono assunti perchè condividono o portano una visione nuova di come l’azienda può cambiare nei successivi anni, in modo esclusivamente proattivo, non reattivo. Il leader porta l’azienda ad adattarsi alle mutevoli condizioni di mercato, valorizzando la forza-lavoro, sempre più variegata. La sua sfida più grande è quella di condividere la visione dell’azienda, guadagnarne il consenso, quotidianamente, e portarla verso il cambiamento, attraverso il lavoro del team.

  • TALENTO

I business leaders creano un team per raggiungere i risultati e gli obiettivi prefissati. Il gruppo deve essere motivato, coinvolto, ascoltato, supportato, appassionato e fidelizzato. Di cosa ho bisogno per farlo? Della creazione di un forte senso di appartenenza, ricompensando, delegando e responsabilizzando. I leaders devono essere in grado di guidare, ma, allo stesso tempo, di ascoltare ed imparare dalla propria squadra. Sono in grado di fare tutto ciò, gestendo risorse culturalmente diverse, disperse in vari contesti aziendali. Tim Roth : “Il mio mentore diceva, ‘Andiamo a farlo,’ non ‘Vai a farlo.’ Quanto potere quando qualcuno dice ‘Andiamo!’“.

  • FLESSIBILITÀ

I leaders globali devono dimostrare di essere mobili a livello internazionale. Tutti i migliori leaders hanno vissuto all’estero, per un significativo periodo di tempo, in due o tre diversi continenti. Non solo, devono essere dotati di spirito imprenditoriale e avere una forte predisposizione verso l’esterno. Solo così è possibile acquisire una buona padronanza dei diversi mercati e culture, per gestire efficacemente le attività aziendali in diversi paesi.

  • EMPATIA

Talento e risorse umane rappresentano il fattore chiave indispensabile al raggiungimento del successo, in qualsiasi settore, in alcuni più che in altri. Le persone sono capaci di fare un’enorme differenza: per questo non devono sentirsi sfruttate, bensì ascoltate, comprese e messe al primo posto, garantendo il benessere aziendale. Studi recenti sottolineano come stili di leadership più partecipativi e collaborativi funzionino molto meglio rispetto a stili autoritari. Il leader deve essere percepito come un componente della squadra ed esserci apprezzamento reciproco. Come dice Peter Ducker, “i leader più in gamba non pronunciano mai la parola “io”. Non lo fanno perché si sono esercitati a non dire “io”, ma perché, semplicemente, non pensano in termini di “io”, ma di “noi”, in un’ottica di squadra. È questo che crea la fiducia e che fa in modo che si lavori bene.

  • PERFORMANCE

I leaders di successo sono quelli in grado di prendere decisioni, non solo in base alla propria area di riferimento, ma pensando al bene dell’intera azienda. Devono avere competenze in diversi settori, per progredire nella loro carriera e raggiungere un livello superiore. Inevitabilmente, chi non possiede queste competenze, rimarrà indietro.

  • DIGITAL LEADER

Nell’era del Web 2.0, la comunicazione aziendale passa il testimone alla tecnologia. Una comunicazione interattiva, che si muove anche nella direzione opposta: da clienti, impiegati, e tutti gli stakeholder della azienda verso l’azienda stessa, senza il filtro delle stampa o dove la stampa funge da ulteriore cassa di risonanza alla rete. In un mondo in cui il riconoscimento positivo del brand online è un aspetto fondamentale, per notorietà e riscontro economico, un leader deve saper gestire tutto questo, contribuendo con trasparenza e correttezza.

  • INTERAZIONE

Uno stile manageriale partecipativo prevede il coinvolgimento del team nel processo decisionale e un conferimento di responsabilità a tutte le risorse. Per confermare e rafforzare la leadership, è fondamentale per ogni manager l’essere proattivo, identificando nuove opportunità, proporre idee, diffonderle all’interno dell’organizzazione e creare consenso.

 

Se le tue azioni ispirano altri a sognare di più, imparare più, fare di più e trasformare di più, allora tu sei un leader.
John Quincy Adams

____________________________________________________________________________________

Segui i miei aggiornamenti su Facebook e LinkedIn! ✔



Potrebbe interessarti anche:



  
Condividi con i tuoi amici
Tags:

Lascia un commento

*
*