Quando l’allievo è pronto…

4 Comments »
Novità di Coaching!
Sei un atleta e vuoi migliorare la tua prestazione? Contattaci subito... un Mental Coach professionista sarà a tua disposizione! Clicca qui
  
Condividi con i tuoi amici

samurai1C’è un proverbio giapponese che tende a ritornare nelle mie attività.

La prima volta l’ho sentito da un mio amico mentre si accingeva a spiegarmi i rudimenti della respirazione durante la meditazione.

La seconda volta da una attrice, in uno stage di recitazione, mentre stava spiegando i diversi livelli di energia da portare sul palcoscenico correlati alla necessità di ascoltare e richiamare le proprie sensazioni, (ed il proprio dialogo interiore), per saperle riproporre, credibilmente, sulla scena.

La terza volta dal mio sensei di spada giapponese, mentre raccontava l’incontro in Giappone con il proprio maestro.

Il proverbio è: “Quando l’allievo è pronto, il maestro appare.”.

Il suo significato sembra abbastanza chiaro, anche ad un primo ascolto.

Se davvero sei pronto ad imparare qualcosa, troverai sempre qualcuno pronto ad insegnartelo.

Ma non basta solo sentire, bisogna ascoltare profondamente con il cuore e con l’anima.

Ed ecco che le parole risuonano con un nuovo significato che non copre quello vecchio, ma ad esso si armonizza, arricchendolo ed arricchendosi.

Quando l’allievo è divenuto così talmente esperto nella sua attività, questa sua perizia fa ricordare le gesta del suo maestro.

Così il maestro insegna all’allievo, così l’allievo diviene maestro.

Il cerchio si chiude perfettamente.

Tutto questo ha un nome.

Si chiama Tradizione.

 

 



Potrebbe interessarti anche:



  
Condividi con i tuoi amici

Questo post ha 4 commenti

  1. Davide Kodai Colombu on ottobre 20, 2013 at 23:19 Rispondi

    La propria volontà è Il combustibile indispensabile alla manifestazione e alla realizzazione degli obbiettivi desiderati. Uniti a una bella dose di accettazione. Quando c’è grande volontà nell’accettare il cambiamento per transmutare verso ciò che aneliamo veramente, le circostanze che la vita ci propone diventano più malleabili. Accettando il qui e ora possiamo plasmarlo nella direzione della nostra Via, guidandoci fino alla casa del maestro, e allora è il momento per fare quello che possiamo fare noi e nessun altro, il passo che ci porta oltre la soglia della nostra stanza del tesoro.

  2. Franco Rossi on ottobre 9, 2013 at 08:47 Rispondi

    Grazie Fabrizio, mi è piaciuto molto quello che hai scritto.
    Provando a parafrasare il tuo pensiero direi anche: “Quando l’allievo è pronto, in ogni luogo troverà insegnamenti”.

  3. Cristina Maffeo on ottobre 8, 2013 at 13:51 Rispondi

    Il coach comprende che sta svolgendo bene il suo lavoro proprio quando si accorge che il suo “allievo” diviene “maestro”.
    Grazie!

  4. Antonella Frigato on ottobre 8, 2013 at 09:41 Rispondi

    Ciao Fabrizio
    Grazie per questo ricordo comune che nasce dall’esperienza di colui che, inesorabilmente, ricerca.
    Un sinonimo di “saggio” è “colui che cerca”.
    Splendido viaggio a tutti gli esploratori ;-)

Lascia un commento

*
*