Tutto serve per fare coaching (e per essere creativi)

2 Comments »
Novità di Coaching!
I migliori Mental Coach sportivi a disposizione di Atleti, Allenatori e Team di successo! Clicca qui
  
Condividi con i tuoi amici

cervello left rightSto preparando un piccolo intervento per un bar camp sulla innovazione e sulla creatività.

Sul mio tavolo c’è sempre il solito marasma caotico, dove diverse copie de “la lettura”, l’inserto culturale del Corriere, si trova vicino a vecchie edizioni de “la settimana logica” con i suoi sudoku invecchiati a colpi di matita e gomma.

Davanti a me, un paio di fogli A5 con appunti scritti a mano in una forma embrionale di mappa mentale.

La materia è interessante, ma avverto che manca qualcosa.

Manca quel piccolo elemento che attivi l’attenzione dell’uditorio, affamato di notizie e di strategie.

Non è che manchi, in verità, ma è nascosto tra quelle parole.

E’ sempre così.

E’ un gioco a nascondino tra me e lui. Lui si diverte a nascondersi, io devo trovarlo, non senza un briciolo di piacere.

Mi accendo una sigaretta, anche se di solito uso quella elettronica, e decido di andare a prendere un caffè al bar vicino casa.

Una piccola passeggiata non può che farmi bene, mi dico.

E’ un bellissimo ed assolato pomeriggio di (fine) estate ed intorno a me sfilano mamme con carrozzine, ragazze che camminano, ragazzi che corrono e vecchietti con badanti straniere.

Entro al bar  ed ordino il mio caffè.

Mi giro per prendere la bustina di zucchero, la apro e ne verso il contenuto.

Assaggio un po’ di quel meraviglioso liquido nero e getto lo sguardo sulla bustina nella mia mano.

Ha una faccia di un bel colore arancione, ove spicca il verbo inglese: “feel”.

Non è l’unica, ce ne sono anche altre di diverso colore. Per ogni colore c’è un verbo inglese, da “draw” a “play”.

Tana !

Tana !!

Tana !!!

Fossi Archimede avrei esclamato: “Eureka !!!”.

Chiedo il permesso di prendere una serie completa di bustine e mi avvio sorridendo verso casa.

Tutto serve per fare coaching….

(appena avrò finito di mettere ordine nei miei appunti, prometto di postarli e di scrivervi come ho utilizzato le mie dolci bustine di…creatività)



Potrebbe interessarti anche:



  
Condividi con i tuoi amici

Questo post ha 2 commenti

  1. Antonella Frigato on settembre 19, 2013 at 11:40 Rispondi

    “più gioia e allegria si spende, più ne rimane. Il potere risiede nella gioia; la speranza ci pone in uno stato d’animo attivo ” (Emerson)
    Buona ri-scoperta a tutti!

  2. Antonella Frigato on settembre 18, 2013 at 22:04 Rispondi

    Le strade non sono già tracciate.
    Le strade appaiono se si inizia a farci il primo passo. E poi un altro. E poi un altro ancora.
    Come la creatività.
    Segui un pensiero e ti ritrovi con un’idea spettacolare che attende solo di essere realizzata!
    Ottimo spunto, caro Fabrizio.
    Grazie e Buon proseguimento ;-)

Lascia un commento

*
*