Solution Focus

No Comments »
Novità di Coaching!
Finalmente un libro che spiega in modo semplice e completo il Coaching nella sua vera essenza. Presentato all'Università La Sapienza di Roma! Clicca qui
  
Condividi con i tuoi amici

Solution Focus:  un approccio Semplice e Positivo orientato alla risoluzione dei problemi.

Solution Focus: è un approccio Semplice e Positivo orientato alla risoluzione dei problemi.

Solution Focus: è un approccio Semplice e Positivo orientato alla risoluzione dei problemi.

Immagina di essere in un momento difficile con il  tuo lavoro e nella tua vita, ed hai bisogno di una soluzione rapida e concreta per risolvere un problema. Quindi, decidi di pianificare una sessione di coaching decidendo di concentrarti quasi esclusivamente sulla soluzione.
In sessione, il tuo coach ti chiederà, fin da subito, di descrivere nei particolari il tuo “stato desiderato”, cioè il tuo obiettivo “come se” il problema fosse già stato risolto.
Tutto parte da qui.

Una volta che avrai veramente chiaro il tuo obiettivo, si comincerà ad esplorare quello che sta già funzionando, almeno in parte, allo “stato attuale”. Si cercheranno gli indizzi della soluzione, le tue risorse “interne” ed “esterne”, il modo come aumentare le tue opzioni e creare una strategia efficace per risolvere il problema. E già al termine della prima sessione, comincerai a fare il “primo passo”, la tua prima azione concreta, verso il tuo obiettivo.
Hai appena usato “il coaching breve orientato alla soluzione”, un approccio che ti focalizza e ti incoraggia ad esplorare le soluzioni, invece di concentrarti sui problemi.

Cos’ è quindi il Solution-Focus? 

E’  un approccio di coaching focalizzato e concentrato sulla soluzione “che mette al primo posto l’assistenza al cliente per definire uno stato futuro desiderato, e per costruire un percorso sia di pensiero che di azione che assiste il cliente nel raggiungimento dell’obiettivo prefissato. “
In breve, si chiede al Cliente (coachee) di pensare a ciò che vuole raggiungere, e poi lo si aiuta a pianificare il come farà ad  arrivarci.
Il metodo “SolutionSurfers” deriva  dalla “terapia breve,” un approccio di consulenza che è stato sviluppato nel 1950 da Steve Shazer e Insoo Kim Berg, e che oggi è comunemente usato anche nel business.
I terapisti si resero conto che i clienti più si focalizzavano sui loro problemi e sulle loro cause, più i problemi divenivano radicati e di difficile risoluzione. Per evitare questo, i terapeuti cominciarono a spostare l’ attenzione dei clienti  dal problema, alla ricerca e all’ attuazione di una soluzione.

Vantaggi e sfide

Uno dei maggiori vantaggi del coaching breve orientato alla soluzione è l’ approccio positivo al cambiamento. Questo stile di coaching presuppone che le persone  siano psicologicamente sane, e che siano in grado di risolvere i loro problemi (sottol a loro sfera di controllo). Queste convinzioni permetteranno alle persone di essere più fiduciosi, diventando più sicuri di sé, mettendo in atto un piano di apprendimento, autosufficiente e positivo della loro capacità di controllare la propria vita e quindi di risolvere il problema.
Il metodo del Coaching Orientato alla Soluzione consente al  Cliente (Coachee), fin da subito,  di superare quel senso negativo di impotenza che gli impedisce di affrontare e superare il problema. Spostando l’attenzione dal  “perché” mi trovo in questa situazione a “come” posso risolverla.
Chiunque può utilizzare il Coaching Orientato alla Soluzione, ed è applicabile in una vasta gamma di situazioni di coaching.
Nota:
Il Coaching Orientato alla Soluzione è simile al modello GROW (il modello base su cui si fonda il coaching), ma differentemente da questo, ha una caratteristica di natura sistemica in quanto, una volta capito bene dove si vuole andare e cosa si vuole ottenere, si fanno fin da subito i primi passi verso la direzione della soluzione e man mano che si procede verso la direzione voluta, si analizzano gli effetti adeguando le azioni successive ai risultati fino ad ora ottenuti.
Quindi la differenza chiave è che il modello GROW esplora esplicitamente problemi (la “realtà attuale”), e non ha passaggi formali per rivedere i progressi del coachee per poi  regolarne l’ approccio verso la soluzione.

Utilizzazione del metodo base

1. Identificare un obiettivo o una soluzione.
2. Creare un piano di azione per raggiungere l’obiettivo.
3. Agire e monitorare i progressi.
4. Modificare ciò che non funziona.


Potrebbe interessarti anche:



  
Condividi con i tuoi amici

Lascia un commento

*
*