Come superare i momenti tosti della vita con l’aiuto dell’umorismo.

No Comments »
Novità di Coaching!
Diventa Parent Coach e accompagna la coppia in una relazione genitoriale potenziante! Clicca qui
  
Condividi con i tuoi amici

Durante la nostra vita possiamo trovarci davanti a dei momenti che ci appaiono davvero difficili da affrontare

Ti posso assicurare che chi ti scrive ne ha passate di tutti i colori. Ma vorrei condividere con te che cosa m’ha aiutato di più in questi anni e che che cosa ho imparato dalle molte esperienze, nel campo del teatro umoristico.

Secondo me, ciò che non dovremmo mai dimenticare è che, anche di fronte ad un momento davvero difficile, siamo noi stessi a decidere il nostro atteggiamento positivo oppure negativo, difronte a qualsiasi situazione.

E proprio la scelta dell’atteggiamento da adottare di fronte alle difficoltà potrà risultare determinante sull’evoluzione della situazione in cui ci troviamo e sulla nostra capacità di apprendere qualcosa di nuovo da un’esperienza che all’apparenza ci fa sentire di fronte ad un vicolo cieco. ( Come superare i momenti difficili della vita ).

Adottare un atteggiamento totalmente negativo e lasciarci travolgere da esso può portarci ad una vera e propria paralisi e all’incapacità di agire. Vi sarà forse capitato di sentirvi intrappolati e di non sapere quale direzione prendere di fronte ad una scelta difficile.

Il primo passo, fondamentale, consiste nel prendere coscienza di una situazione difficile in tutti i suoi aspetti e nell’accettarla per quella che è. Forse in questo momento scappare sembrerebbe più semplice. ( Come superare i momenti difficili della vita )

 

 

Come superare i momenti difficili della vita

Ma vivere sempre in fuga è impossibile. Quando si cerca di chiudere gli occhi davanti a qualcosa che non si vuole affrontare, in realtà si sta tentando di scappare da se stessi e dalle proprie responsabilità.

Forse in questo momento credete di non avere alcuna responsabilità rispetto a ciò che vi sta accadendo. In ogni caso, però, potrete provare a controllare le vostre reazioni agli eventi e a determinarne le conseguenze.

Come ci ricorda il principio 90/10 di Covey, tutto ciò che ci accade è determinato soprattutto da noi stessi.

E se guardiamo alle filosofie orientali, scopriamo che ad ogni nostra azione corrisponde una reazione. Ogni azione che compiamo ha sempre una conseguenza. Se ora ci troviamo ad affrontare un momento difficile, proviamo a lavorare innanzitutto su noi stessi e a riflettere su ciò che potremmo fare per migliorare la situazione attuale, dato che non possiamo cambiare il passato.

Ecco alcuni semplici suggerimenti che possono diventare utili quando dobbiamo affrontare un momento difficile.

Accogliamo le nostre emozioni.

Cerchiamo di non negare la rabbia, la tristezza e l’ansia che proviamo. Queste emozioni sono davvero normali per noi esseri umani ed è quasi matematico che compaiano quando ci troviamo in un momento difficile. Ciò perché da queste emozioni forse abbiamo qualcosa da imparare.

La rabbia, ad esempio, ci permette di reagire con grinta per affrontare le difficoltà, mentre la tristezza ci regala un importante momento di sfogo. A volte solo versando tutte le nostre lacrime riusciremo a sentirci meglio.

Accettiamo che nella vita, ci siano degli alti e dei bassi.

La sofferenza e la felicità fanno parte del ciclo della nostra vita. Non possono esistere l’una senza l’altra. Non potremmo goderci davvero la felicità se non avessimo mai conosciuto la tristezza e la sofferenza.

Proviamo a pensarci bene: a volte in una stessa giornata ci capita di essere sia tristi che felici per ragioni diverse. Possiamo affrontare la tristezza e accettare la felicità come un dono. Anche se nel complesso ci troviamo in un momento difficile, non neghiamoci la possibilità di provare felicità per altri aspetti della nostra vita che invece ci stanno dando anche solo delle piccole soddisfazioni.

Facciamo tesoro dei momenti felici.

Non è detto che i momenti difficili siano sempre completamente bui e privi di speranza. Un pizzico di felicità, anche se sembra quasi impossibile, potrebbe raggiungervi da un istante all’altro. Siate pronti ad accoglierla.

Potrebbe trattarsi, ad esempio, di una persona amica che ha deciso di mettersi a vostra disposizione per aiutarvi in ciò che dovrete affrontare o semplicemente per ascoltare i dettagli di ciò che vi sta accadendo.

Non rifiutate un dono di questo genere soltanto perché non vi sentite dell’umore giusto.

Il confronto con gli altri potrebbe aiutarvi a guardare la vostra situazione da una nuova prospettiva e magari ad individuare soluzioni che fino a questo momento non avevate ancora preso in considerazione.

Trasformiamo la sofferenza in una occasione per crescere.

In conclusione, tutti noi almeno una volta nella vita ci siamo trovati in una situazione complicata o abbiamo dovuto affrontare una battuta d’arresto che in quel momento ha bloccato i nostri sogni e le nostre aspettative.

Come abbiamo reagito in quel momento? La situazione è cambiata in meglio dopo qualche tempo? Per fortuna, le normali difficoltà della vita non sono eterne. Spesso sono dei veri e propri momenti d’oro, delle occasioni imperdibili per crescere e per imparare a trasformare la sofferenza in un’occasione per reagire.

La felicità è la meta della nostra vita, l’obiettivo che tutti noi vorremmo raggiungere: impariamo a riconoscerla e a sceglierla anche quando stiamo vivendo un momento difficile.

Formiamoci.

Molte volte capita che quando le cose ci vanno bene ci si dimentica che formasi e studiare è essenziale. I tempi attuali dove le cose cambiano velocemente rimare aggiornati nel proprio lavoro e anche nelle soft skils come la comunicazione aiuta moltissimo. Nei momenti difficili poi tendiamo ad evitare di formarci, perchè pensiamo che non aiuti.

Per questo invece, occorre, a mio avviso crearsi una abitudine costante. Una pagina al giorno per esempio, io me la concedo sempre. E mi alleno tutti i giorni sulle metodologie formative che propongo

Usiamo l’umorismo attivo e passivo per tornare in forma.

La scienza ha dimostrato più volte l’utilità dell’umorimo per la nostra vita personale eil nostro benessere del copro e dello spirito. Nei momenti tosti ho trovato utile guardare film comici e distrarmi ridendo.

Questo metodo è il metodo dell’umorismo passivo. Cioè come una macchina senza benzina, ha bisogno di ricaricarsi, cosi con l’umorismo e la comicità riusciamo a distrarci e a ricaricare di buon umore la nostra vita.

A Tal proposito lascio un link ad un testo che uso nei miei corsi che tratta di Humor Terapy. Clicca qui

Possiamo anche imparare ad usare l’umorismo attivo: Cioè dentro ciascuno di noi ci sono delle vene di umorismo che ci possono aiutare a vivere meglio. Tutti, magari involontariamente abbiamo fatto ridere.

Evitiamo per un periodo notizie pesanti.

Siamo invasi da telegionali e notizie. Quando siamo demotivati e giù di morale suggerisco di eliminare un certo tipo di notizie. Molti mi dicono: “Gio, ma cosi non rimango informato.

Vero, però ti faccio una domanda: Vale di più l’essere informati o il riprendere in mano la nostra vita ?

Faccio sport e dedichiamo un pò di tempo, al giusto divertimento.

Io dedico tutti i giorno un’ora e piu al mio giro in bici. Mi rilassa la mente e mi rida carica ed energia. Ho notato che nei momenti tosti alle volte trascuriamo di fare sport. Mentre proprio in quei momenti è tuile dedicarsi a fare sport. credo che i motivi siano evidenti.

ASPETTO UN TUO COMMENTO QUI SOTTO

Giovanni Garavello

 



Potrebbe interessarti anche:



  
Condividi con i tuoi amici

Lascia un commento

*
*